SCOPRI IL PROSSIMO PROGETTO

Dynamic Airfields

Fabrica realizza il calendario 2017 di Daikin.

6 dicembre 2016

Area: Design

La collaborazione tra Fabrica e Daikin continua con entusiasmo e si declina in un nuovo progetto: Dynamic Airfields, il calendario 2017 realizzato per Daikin.

Il calendario 2017 è il risultato del contest You Shape the Air organizzato lo scorso giugno da Fabrica e Daikin per celebrare l’apertura del Temporary Showroom di Daikin, uno spazio nel cuore del Brera Design District: il contest, che ha coinvolto infatti giovani talenti del design italiano provenienti dagli atenei di tutta Italia, con l’obiettivo di “dare forma all’aria”, è stato vinto da Matilde Donzelli, Graphic Designer, che si è aggiudicata la possibilità di sviluppare il concept nella suggestiva sede di Fabrica e di vederlo realizzato nel nuovo calendario Daikin 2017 Dynamic Airfields.

“È stata un’esperienza intensa ed esaltante che ho vissuto pienamente e che mi ha permesso di imparare tanto e confrontarmi con differenti punti di vista in un ambiente giovane e stimolante” dichiara Matilde.

 

Il progetto Dynamic Airfields pone l’attenzione sulla relazione tra vento ed elementi naturali. Non è possibile percepire l’aria a livello visivo, se non in particolari condizioni. Ciò nonostante se ne può avvertire la presenza ogni qualvolta se ne causa lo spostamento, o semplicemente attraverso il vento. Se si osserva il moto dell’aria a contatto con gli oggetti o altri elementi, la si può percepire visivamente e vedere le sue forme dinamiche, variabili e in continuo cambiamento.

Per ricreare il movimento dell’aria, Matilde ha utilizzato esclusivamente linee curve che ne seguono il cambio di posizione e producono una forma percepibile visivamente. Nel calendario si dà spazio anche al tatto: l’aria e le sue caratteristiche non sono percepite solo con gli occhi, ma anche con le mani attraverso la particolare texture della copertina.

Le tinte delle illustrazioni sono ispirate alla temperatura del colore. La scala delle tonalità mostra la temperatura ideale di cui abbiamo bisogno nei vari momenti dell’anno. Ogni mese contiene quindi la rappresentazione di un diverso elemento naturale che modifica la sua forma a contatto con il vento e l’aria.
A gennaio il fuoco è alimentato dall’aria; in febbraio un albero è piegato dal vento; su marzo si abbatte un uragano; in aprile la composizione raffigura le increspature del vento sull’acqua; a maggio le curve della stoffa mossa dal vento. A giugno il vento soffia tra i capelli e in luglio crea le onde nel mare. Ad agosto l’aria lascia i suoi disegni sulla sabbia e a settembre modella la roccia. A ottobre il vento muove i fili d’erba e in novembre modifica le forme del fumo che fuoriesce dai comignoli. Infine a dicembre il vento modella la neve lasciandovi dei disegni dinamici.

Nata a Sansepolcro (AR) nel 1993, Matilde Donzelli si è laureata nel 2015 in Industrial Design all’Università IUAV di San Marino. Attualmente lavora nel settore del graphic design e si interessa a vari aspetti del campo, dal web a progetti stampati. Matilde ama viaggiare, muoversi e guardarsi intorno per scoprire e conoscere nuove cose da cui prende continuamente ispirazione. È particolarmente curiosa riguardo ciò che la circonda e ama confrontarsi con mondi e modi differenti di pensare, allargando così il suo punto di vista.