Tarek Atoui e Andrea Lissoni a Fabrica

Può una conversazione tramutarsi in performance? La risposta il 19 luglio.

7 luglio 2017

Fabrica è particolarmente lieta di ospitare un evento molto speciale con la partecipazione dell’artista libanese del suono Tarek Atoui e Andrea Lissoni, Senior Curator, International Art (Film) presso la Tate Modern, dal titolo Reversing

Ad Andrea Lissoni piace esplorare la liveness, gli aspetti cinematici delle opere d’arte che riguardano il tempo e la percezione del tempo nello spazio. Egli cerca di raggiungere questi argomenti attraverso approcci interdisciplinari al fare-esposizione. Nessun miglior alleato se non Tarek Atoui: il suo approccio di sperimentazione e performance per realizzare composizioni che uniscono suoni elettro-acustici generati da un computer con strumenti storici e fatti a mano è rivoluzionario.

A Fabrica discuteranno, improvviseranno, si esibiranno, si invertiranno.

L’evento è parte del programma Out of Step, un progetto curato da Nico Vascellari, ex Fabricante e oggi uno dei più importanti artisti del panorama internazionale: una serie di incontri e workshop che porteranno al centro di ricerca alcuni tra i più celebri rappresentanti di quel vasto mondo culturale che abbraccia l’arte, il design, il cinema e la cultura sotterranea.

Evento in lingua inglese

19 luglio 2017 – ore 18.30

Fabrica Auditorium

Biografie:

Tarek Atoui è nato in Libano nel 1980. Si è trasferito in Francia nel 1998, dove ha studiato arte del suono e musica elettroacustica. Nel 2008 è stato direttore artistico di STEIM Studios ad Amsterdam, un centro per la ricerca e lo sviluppo di nuovi strumenti per la musica elettronica. Atoui ha presentato la sua opera a livello mondiale alla Biennale di Sharjah negli Emirati Arabi Uniti (2009 e 2013), al New Museum of Contemporary Art di New York (2010), alla Bienniale Mediacity di Seoul (2010), alla Haus Der Kunst di Monaco (2010), a Performa 11 a New York (2011), a dOCUMENTA 13 a Kassel, in Germania (2012), alla Serpentine Gallery a Londra (2012) e all’ottava Biennale di Berlino (2014). Recentemente ha presentato la sua Reverse Collection, uno dei suoi progetti di punta, alla Tate Modern di Londra ed è stato nominato co-direttore artistico della Bergen Assembly 2016, triennale d’arte contemporanea in Norvegia. Tarek Atoui attualmente vive a Parigi.

Andrea Lissoni, PhD, è Senior Curator, International Art (Film) presso la Tate Modern di Londra. Ex curatore di HangarBicocca, a Milano, co-fondatore della rete artistica indipendente Xing e co-direttore del festival internazionale Netmage di Bologna (dal 2011 Live Arts Week), nel 2012 ha co-fondato Vdrome, programma di screening online per artisti e film-maker, di cui è co-curatore fin da allora. Tra le esposizioni personali che ha curato di recente: Apichatpong Weerasethakul (2013), Mike Kelley (2013), Ragnar Kjartansson (2013), Micol Assael (2014) e Joan Jonas (retrospettiva, in viaggio verso Malmö Konsthalle, 2014-15) presso HangarBicocca di Milano. Insieme a Catherine Wood ha curato la mostra e il programma live all’apertura della nuova Tate Modern, nonché la BMW Live Exhibition Ten Days Six Nights. Il suo ultimo progetto si chiama Hyundai Turbine Hall Commission 2016 Anywhen, di Philippe Parreno.

Altre news